Costituito a Leffe il gruppo di lavoro ‘Amici per le campane di Leffe’

Si è costituito a Leffe il gruppo di lavoro denominato ‘Amici delle campane di Leffe’, formato da amministratori locali, membri della Federazione Campanari residenti e operanti a Leffe, genitori di giovani campanari del luogo e figli di campanari defunti. Il gruppo si propone di promuovere la riscoperta della tradizione del suono manuale delle campane a Leffe, sensibilizzando la popolazione e la parrocchia su tre punti fondamentali:

  1. Messa in sicurezza della scala e del corrimano per la salita al campanile della Parrocchiale; manutenzione sugli altri campanili di Leffe di San Rocco e Santa Elisabetta
  2. Manutenzione periodica e accurata della struttura che sostiene e movimenta le campane, che compiono quest’anno i sessant’anni di vita
  3. Reinserimento delle corde staccate nel 2001 durante lavori di manutenzione
  4. Ricerca e recupero di immagini, registrazioni, ricordi relativi alla tradizione del suono manuale delle campane a Leffe
  5. Promozione della riscoperta con incontri pubblici e iniziative ‘in loco’
  6. Attività di formazione musicale rivolta ai giovani leffesi e ai ragazzi iscritti alla Federazione residenti negli centri della Valle Gandino.

La Federazione Campanari Bergamaschi ha provveduto in questi anni alla trascrizione pressoché completa dei brani del repertorio campanario di Leffe. L’intenzione del gruppo è di poter procedere alla pubblicazione del lavoro, che si configura come testimonianza indiscutibile di una letteratura composta dal repertorio della famiglia Pezzoli, dalle composizioni di Arturo Zenoni, Luigi Gelmi e Tarcisio Beltrami, nato nel 1922 e ultimo sacrista di Leffe prima dell’automazione delle campane, avvenuta nella seconda metà degli anni ’60.

Altro obiettivo dell’amministrazione comunale è di fissare presso la Biblioteca la sede per l’insegnamento del suono delle campanine, attualmente guidato dal maestro Michele Nicoli. La sede può accogliere tutti i giovani dei paesi della Valle Gandino (Leffe, Gandino e Casnigo) desiderosi di contribuire alla riscoperta della tradizione.

Appuntamento aperto a tutti per l’8 dicembre 2010: Giornata Campanaria a sessant’anni dalla fusione delle campane Barigozzi, che compongono l’attuale concerto in La grave. La giornata prevede: concerto d’allegrezza e ripresa video trasmessa su schermo gigante in Sala Consigliare del Comune; a questo si abbinerebbe una mostra fotografica con immagini del 1950 relative alle nuove campane, un concerto di campanine e l’esibizione di un campanile in miniatura montante cinque campanelle fuse da Barigozzi nel 1950 e donate a un vecchio campanaro locale defunto, Arturo Zenoni (1913-1972), di proprietà dei figli.

Chi fosse interessato a partecipare ai prossimi incontri del gruppo di lavoro può contattare il 333/6868875 o la mail luca.fiocchi@libero.it

In allegato, un articolo sulla presentazione del CD Suonata serale redatto da Bruna Gelmi – figlia del campanaro Luigi Gelmi – la rivista parrocchiale di Leffe ‘Antenna’.

Pubblicato: 1 luglio 2010Tags: , , , , , , , , , ,