Campanile affollato a Zogno per la per la prima visita guidata

Duecento visitatori in poco più di un’ora e mezza sono saliti sulla torre campanaria di Zogno (Valle Brembana) per osservare da vicino le dieci campane fuse tra il 1972 e il 1975 e commissionate dall’allora parroco Don Giulio Gabanelli. Il successo di pubblico ha dimostrato che la tradizione del suono delle campane in Media Valle Brembana è un tratto ancora importante della cultura popolare, aspetto che l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Zogno tiene a salvaguardare attraverso giornate di conoscenza della cultura campanaria.

La visita alla cella campanaria è stata accompagnata dal suono ‘a festa’ (a tastiera) del concerto, con musiche della Valle Gandino, Valle Seriana e Valle Brembana. Come sempre accade in queste occasioni, il campanile di Zogno diviene punto d’incontro per i campanari provenienti da diverse aree della bergamasca, per la prima volta non solo ascoltati ma osservati da vicino dai cittadini che hanno risalito le scale in legno che conducono al complesso bronzeo.

L’evento ha offerto l’opportunità di raccogliere le prime adesioni a una proposta di corso di campane e campanine, che il Comune di Zogno intende promuovere in collaborazione con la Parrocchia e la Federazione Campanari Bergamaschi. La notevole quantità di concerti manuali nell’area di Zogno e delle frazioni, oltre al concerto di dieci campane installato nel cortile dell’oratorio della Parrocchia di San Lorenzo Martire, si presentano come ottimi strumenti di partenza per disegnare nuovi progetti in Media Valle Brembana. Alle realtà già esistenti di Roncobello e Alta Valle Brembana, Nembro e Leffe, si potrà aggiungere la proposta di Zogno.

Prossimo appuntamento per l’apertura e la visita al campanile: domenica 24 gennaio, dalle 15:45 alle 17:15.

Pubblicato: 17 gennaio 2010Tags: , , , , , , , , ,