Cronache campanarie. Concerto di campanine a Belfiore

Serata di tradizioni musicali antiche con la Federazione Campanari Bergamaschi presso la chiesina di San Pantaleone in Belfiore (Branzi), uno dei monumenti religiosi d’Italia eletti come Luogo del cuore dal Fondo per l’Ambiente Italiano. Don Mario Midali, decano dal 1975 al 1981 della Facoltà di Teologia dell’Università Pontificia Salesiana di Roma, originario di Branzi e presente al concerto, ha introdotto la serata sottolineando l’importanza della riscoperta e della conservazione dei patrimoni della memoria. Cinque giovanissimi ragazzi provenienti dalla Val Fondra, Lenna e Valle Seriana hanno dato vita a un’intensa carrellata di brani della tradizione del suono a tastiera, inframezzati da racconti e riflessioni del presidente dell’associazione Luca Fiocchi sull’importanza della rivalutazione delle culture locali a partire dai giovani. Inni religiosi, marce, scòtish, monferrine, valzer, polche e mazurche costituiscono un repertorio orale invidiabile di cui ogni centro della bergamasca si faceva portatore e custode, oggi registrato e trascritto su pentagramma in forma sistematica per dare forma a una memoria altrimenti destinata a perdersi irrimediabilmente. Risuonatori in metallo e ottone circondati da clarinetto, flauto, chitarra, fisarmonica, strumenti che da sempre hanno dato vita a uno strumento a cavallo tra mondo tradizionale e mondo popolare. La possibilità di esprimersi con tubi in metallo e ottone e risuonatori in vetro costituisce l’incanto di uno strumento ringiovanito e rinvigorito da mani fresche desiderose di giocare un ruolo importante nella riscoperta della tradizione. Oltre a sottolineare il miglioramento tecnico sperimentato negli ultimi anni dalle scuole campanarie, Don Mario Midali ha avuto a commentare a fine serata: “È bello l’impegno che avete coltivato in questi anni, un impegno di antropologia culturale che noi insegniamo agli studenti a livello universitario internazionale e che voi invece fate completamente conservando la tradizione.” Una tradizione che è venuta consolidandosi proprio negli ultimi anni con la dichiarazione da parte della Regione Lombardia del suono delle campane della provincia di Bergamo come Patrimonio Immateriale delle Regioni Alpine.

Un sincero ringraziamento agli organizzatori della serata, che vede in Belfiore uno dei luoghi unici e inimitabili per l’incontro diretto con lo spirito delle persone attraverso la musica delle radici.

Per informazioni sui concerti di campanine contattare: luca.fiocchi@libero.it

Pubblicato: 31 luglio 2016Tags: , , , , , , , , , , , ,