CD – Campanine d’incanto dalla Scuola Campanaria di Roncobello

Campanine d’incanto è il titolo del CD della Scuola Campanaria di Roncobello, sintesi di un lavoro strumentale e di amicizia in musica che ha portato in quindici anni di attività a esplorare il repertorio a tastiera delle valli Brembana e Seriana, integrando al suono delle campanine quello degli strumenti della musica tradizionale. Il gruppo è nato in forma sperimentale nel 2000 con l’idea di poter insegnare il suono delle campane ai giovanissimi in un piccolo paese dell’Alta Valle Brembana, dove la tradizione campanaria, sebbene mai stata così pronunciata come in Valle Seriana, poteva contare su una serie di elementi positivi per rinascere: un nutrito gruppo di bambini figli di appassionati alla musica popolare, una serie di campanili interamente manuali in buone condizioni, un parroco favorevole e un’amministrazione comunale disponibile a dare spazi per fare scuola di campane. (Clicca qui sotto per vedere la copertina del CD e la lista dei brani contenuti).

01

Dalla Scuola Campanaria di Roncobello ha avuto poi origine il progetto della Federazione Campanari Bergamaschi, fondata sull’idea di ridare vita alla tradizione partendo dai giovanissimi. Il gruppo ha raggiunto nel corso degli anni traguardi importanti: passaggi televisivi, interviste sui giornali, concerti in Italia e all’estero, incisione di diversi compact disc e tantissimi eventi pubblici. Il suono delle campanine è andato articolandosi in timbriche diverse con la costruzione di campanine di vetro, metallo e ottone di ottave diverse, tutte in scala di Sol maggiore per potersi adattare a molti strumenti tradizionali quali mandolino, organetto, ocarina e molti altri che negli sono andati aggiungendosi al repertorio sonoro del gruppo. Con il tempo i ragazzi hanno progressivamente imparato a suonare chitarra, basso acustico, fisarmonica, clarinetto, flauto, sax, tromba, pianoforte e tastiera, entrando in corpi musicali, gruppi rock, accompagnando le liturgie con l’organo o affiancando il suono al canto corale. Un ventaglio di esperienze che prova come la musica possa essere stimolo reale per esplorare nuovi sentieri formativi.

12-1

La testimonianza di Campanine d’incanto viene dall’esperienza del vivere a contatto con il pubblico la bellezza del suono e le sue sorprese armoniche. L’idea del titolo viene da due riflessioni formulate da parroci di Bergamo e di Varese al termine di concerti della Scuola Campanaria:

Abbiamo ascoltato queste musiche dove diversi strumenti suonano la stessa melodia producendo armonia: così deve essere anche per i componenti di una comunità, che pur con diverse voci esprimono lo stesso sentimento.

Io credo che la meraviglia sia sbocciata nel pubblico stasera. Di nuovo mi avete sorpreso e regalato un’altra bella emozione. Mi sembrate da quando vi ho conosciuto ad oggi come un prato dei nostri boschi che appena piove un po’ si riempie di mille fiori di colori diversi. Avete raccontato tanti colori diversi che abitano la vostra sensibilità musicale.

10-3

Il CD racconta l’avventura di quindici anni di attività in trenta brani in cui dialogano tra loro gli strumenti citati con il supporto del violino di Mariela Valota, che si dai primi anni ha accompagnato il gruppo negli esperimenti musicali d’insieme. Si attraversano i diversi generi abbracciati dal repertorio campanario: brani ballabili di coppia (valzer, polche, mazurche), balli staccati dal XVI al XVIII secolo (scòtish, monferrine) e balli moderni di primo Novecento (Foxtrot); marce bandistiche adattate per campane; canti popolari (Maslana); melodie mariane e religiose da processione. Tutte queste sfaccettature compongono il complesso poliedro della musica campanaria, costantemente a cavallo tra il religioso e il popolare, capace di mettere d’accordo sacerdoti e non credenti, amanti della tradizione e della modernità, in forza della sua natura sociale e socializzante che vede nell’esperienza della Scuola Campanaria di Roncobello un esempio di Amicizia in Musica.

Suonano nel CD:

Davide e Martina Milesi, Patrick Paganoni e Ilaria Rovelli, alle campanine basse

Francesco Begnis, Chiara Milesi e Manuel Cortinovis alle campanine centrali

Luca Curti, Noriko Habuki, Francesco Losma, Lorenza e Vincenzo Milesi agli ottoni

Francesco Begnis, Manuel Cortinovis, Luca Fiocchi e Giacomo Siboldi alle campanine di vetro

Francesco Begnis al basso

Manuel Cortinovis al clarinetto, flauto, sax e tromba

Luca Curti alla fisarmonica

Davide Milesi al mandolino

Mariela Valota al violino

Luca Fiocchi alla chitarra, ocarina e organetto

Registrazione, produzione audio e grafica di Luca Fiocchi. Immagini di Dominga De Ocampo, Aldo Gervasoni, Michele Mangini, Nadia Milesi e Anna Zeloni.

Clicca qui sotto per sentire frammenti di quattro delle tracce incluse nel CD:

Allegretto di Gandino

Pietro ritorna

Mazurca di Grumello

Mazurca di Vapore

Per informazioni sulla produzione contattare luca.fiocchi@libero.it o il 333/68.68.875.

2-11

Pubblicato: 30 luglio 2015Tags: , , , , , , , , , , , ,