Visita guidata al campanile di Gandino domenica 1 agosto 2010

La torre campanaria della Basilica Romana Minore di Santa Maria Assunta in Gandino apre le porte ai visitatori domenica 1 agosto 2010, svelando il pregio del concerto più antico della Diocesi di Bergamo, composto da dieci campane in Si2 prodotte tra il 1770 e il 1822. Il complesso giunto sino a noi fu il frutto di un lungimirante lavoro di progettazione, atto a portare sulle campane un repertorio musicale che si stava evidentemente forgiando su strumenti quali le ‘campanine’, risuonatori tradizionali in vetro utilizzati per l’esercizio domestico. Storicamente, a Gandino esisteva un concerto di cinque campane già nel 1749, epoca in cui si sviluppa in bergamasca la tradizione del suono d’allegrezza e della distesa. Gandino anticipa però l’avvento dei concerti a otto campane installando addirittura dieci bronzi in successione cronologica:

1706 – fusione dell’attuale nona campana (a partire dalla maggiore) ad opera di F. Sottile

1786 – fusione di altre otto campane ad opera di Giacomo Crespi di Crema, per un totale di nove campane

1788 – fusione della decima campana ad opera di Andrea Crespi, che completa il concerto

1822 – rifusione della campana maggiore ad opera di Monzini di Bergamo

Le date riassumono per sommi capi una vicenda intensa, caratterizzata da riparazioni di batacchi e intenso lavoro di manutenzione che dimostrano la forte propensione al suono da parte dei campanari gandinesi dell’epoca. Da tale lavorìo ha avuto origine un amplissimo repertorio di oltre 180 brani per cinque, otto, nove e dieci campane.

La visita guidata avrà l’obiettivo di illustrare un autentico tesoro che raramente troviamo citato nei libri d’arte dedicati ai patrimoni orobici. Dalle ore 16:00, porte aperte del campanile e suono d’allegrezza per illustrare le tecniche in uso per la realizzazione delle melodie. A completare la visita, esposizione di pannellature e di strumenti tradizionali inerenti il mondo delle campane.

Clicca qui per vedere il manifesto dell’iniziativa.

Per informazioni, contattare il 333/68.68.875.

Pubblicato: 22 luglio 2010Tags: , , , , , , , , ,