Cronache campanarie: giovanissimi suonatori all’opera in terra bresciana

campanine-caionvicoNuova esperienza bresciana per i ragazzi della Federazione Campanari Bergamaschi in occasione dell’Epifania. Suono di campanine durante la Messa mattutina presso la Chiesa Parrocchiale di San Massimiliano Kolbe, seguito dal suono delle campane della chiesa vecchia di Ss. Faustino e Giovita. L’edificio cinquecentesco ospita un concerto in cinque campane in Lab4 fuso da Dante d’Adda nel 1948. Concerto automatizzato negli scorsi decenni con la rimozione delle corde e del gioco a festa per il suono a tastiera, che ha recuperato pienamente il doppio sistema negli scorsi mesi. Brani religiosi natalizi durante la celebrazione e suonate tradizionali dall’alto del campanile, seguite con curiosità e interesse dai visitatori presenti con bambini.

foto-gruppo-campanile

Una visita alla cima del campanile per vedere il panorama della città e una successiva sessione di suono a distesa per insegnare a giovanissimi bergamaschi e bresciani presenti le tecnice per il controllo delle corde e la realizzazione di scale in stile bresciano e secondo il ‘botto’ bergamasco. Vivo apprezzamento è stato espresso dal parroco Don Alessandro Braghini per l’ottima riuscita dell’iniziativa, con future proposte per la solennità del patrono cittadino Ss. Faustino e Giovita e un incontro nel mese di maggio con i giovanissimi della parrocchia per conoscere da vicino la tradizione del suono manuale delle campane e delle campanine come strumento preparatorio per il suono a tastiera. Per informazioni sui progetti, contattare: luca.fiocchi@libero.it

Pubblicato: 9 gennaio 2018Tags: